Teletrasmissione in corso... Attenda prego fino al trasferimento completo di questo Web page
X

Motivazione Intitolazione Sezione alla M.O.V.M. Cap. s.p.e. Vannetti Donnini Francesco Rgt. ''Genova Cavalleria''

Motivo del Conferimento

Click per ingrandire l'immagine



VANNETTI DONNINI Francesco
Capitano s.p.e. Reggimento «Genova Cavalleria»


Ufficiale di indomito ardimento, combattente di Francia, Croazia e di Russia, dove già fu l'eroe di epici episodi.
Fremente per le delineatesi sventure d'Italia, accoglieva con gioia il più volte sollecitato ordine di condurre i suoi dragoni di “Genova” al battesimo del fuoco in difesa della Capitale d'Italia.
Instancabile, si portava sempre nella parte più delicata e più esposta del suo schieramento, tra i suoi plotoni appiedati, sanguinanti per le continue perdite, animando e attaccando decisamente e personalmente il nemico con bombe e mitraglia ovunque si avvicinasse.
Incurante di sé e premuroso dei suoi, non esitava a sostituirsi ad un suo subalterno ferito nel momento e nel punto in cui più forte e decisivo era il fuoco avversario.
Ferito gravemente da granata, disimpegnava imperiosamente quelli che erano accorsi a sorreggerlo per inviarli a prendere munizioni, e si trascinava ad un mitra per spararvi l'ultima cartuccia.
Quindi, si ergeva in piedi con la pistola in pugno per affrontare il nemico che avanzava veloce.
Colpito da una scarica sparatagli a bruciapelo al petto, si abbatteva al suolo, immolando nobilmente la vita. — Roma, Porta S. Paolo, 10 settembre 1943. 

Vannetto Donnini Francesco


Capitano del "Genova Cavalleria", caduto a Roma, a Porta San Paolo, il 10 settembre 1943, Medaglia d'oro al valor militare alla memoria.
Al comando di un reparto di reclute del Deposito di Roma del "Genova Cavalleria", era accorso a Porta San Paolo in appoggio dei "Lancieri di Montebello" che, con centinaia di patrioti romani, tentavano di contrastare la conquista della Capitale da parte delle truppe tedesche. Cadde combattendo valorosamente nel corso degli scontri che, come ha ricordato nel sessantesimo anniversario della battaglia il Presidente Carlo Azeglio Ciampi, costarono la vita a 414 militari e 156 civili. Al nome di Vannetti Donnini è stata intitolata a Roma una piazza.

Intervento Ciampi 10.9.2001


INTERVENTO DEL
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
CARLO AZEGLIO CIAMPI
A PORTA SAN PAOLO E AL PARCO DELLA RESISTENZA
PER LA DEPOSIZIONE DI DUE CORONE D'ALLORO

Copyright (c) 2011-2017
All rights reserved
******* Contact the author at michele@maximapc.it